Basilica romana minore di San Cristoforo

La basilica romana minore di San Cristoforo è il principale luogo di culto ubicato nella frazione di Canneto di Lipari.

 

Culto

 

San Cristoforo. Traghettatore e martire del 250, considerato il protettore di tutti quelli che fanno un mestiere rischioso: in questo caso a Lipari era l’intercessore atto a proteggere gli scavatori della montagna di pomice e dei lavoratori preposti al suo trasporto

Navata

 

San Cristoforo. Traghettatore e martire del 250, considerato il protettore di tutti quelli che fanno un mestiere rischioso: in questo caso a Lipari era l’intercessore atto a proteggere gli scavatori della montagna di pomice e dei lavoratori preposti al suo trasporto.

Storia

 

Epoca spagnola

Edificata nel 1596 come una piccola chiesetta, per opera e volere del vescovo Juan Pedro González de Mendoza con lo scopo di popolare una porzione di territorio e creare una comunità abitativa in una località disabitata. All’epoca Canneto era denominata Baia della Calandra, zona insicura ed esposta agli attacchi barbareschi di marinerie corsare e pirata.

 

Epoca unitaria

Con l’espansione del centro di Canneto si avvertì la necessità di un luogo di culto più spazioso e confortevole, pertanto la primitiva chiesa fu spostata dal sito ove sorgeva e, all’inizio del 1864 fu costruita nella posizione attuale e completata nel ‘900.

 

Epoca contemporanea

Interamente rifatta, ingrandita ulteriormente e perfezionata tra il 1924 e il 1928, negli anni ha subito abbellimenti, ornamenti e decorazioni. Risale infatti al 1932 la costruzione della Cappella di Lourdes, nel 1950 si è provveduto a decorarne la navata centrale, nel 1955 è stato completato l’abbellimento delle navate laterali, nel 1958 la costruzione e decorazione della cantoria. I rivestimenti di marmo, i lampadari e i banchi risalgono agli anni ’50.  L’8 giugno 2003, con una solenne cerimonia, la chiesa fu consacrata alla presenza dell’allora arcivescovo Giovanni Marra.  Nel 2004, papa Giovanni Paolo II concesse il titolo di basilica romana minore e in occasione dell’evento fu rifatto il prospetto.  Nel 2006 furono collocate le statue dei santi Pietro e Paolo ai lati e quella di Cristo Redentore sulla sommità, manufatti benedetti a Roma da papa Benedetto XVI.

 

Facciata

 

La facciata è costituita da due ordini con marcapiano tra loro raccordati da volute, sui cornicioni le iscrizioni “SAN CRISTOFORO – A. D. 1594 – BASILICA ROMANA MINORE – A. D. 2004”. Il livello inferiore e tripartito per mezzo di paraste in funzione dei tre portali d’ingresso recanti sulle superfici superiori le insegne papali con il motto “TOTUS TUUS”, lo stemma araldico della basilica, le insegne arcivescovili con galero e fioccature di 20 nappe di colore verde.  Il secondo livello comprende il solo vano centrale con finestrone centrale, raccordato e delimitato dalle statue raffiguranti i santi apostoli Pietro e Paolo. Un frontone con orologio chiude la prospettiva, sulla sommità la statua del Cristo Redentore, manufatti benedetti a Roma da papa Benedetto XVI.  Un piccolo sagrato balaustrato è raccordato alla sede stradale da tre gradini. La porzione di sede pedonalizzata presenta un caratteristico lastricato geometrico bicolore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Follow by Email