Cave di Caolino

 

Le vecchie cave di caolino sono da vedere: le rocce sono variamente colorate e l’impatto visivo, con il verde della vegetazione e il blu del cielo, è molto forte. La realtà di Caolino si colloca all’interno di un territorio che, nel corso dei secoli, ha subito significative trasformazioni, rappresentando per Lipari un luogo di grande importanza e di forte richiamo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le cave di caolino, oggi abbandonate ma utilizzate già in epoca greca, si aprono sul versante occidentale dell’isola, a poca distanza dall’abitato rurale di Quattropani, affacciandosi sui “timponi” (le formazioni più antiche di Lipari, emerse circa 220.000 anni fa). Il sentiero costeggia le pareti della cava, dove antiche fumarole hanno prodotto vistose policromìe, frutto delle alterazioni delle rocce, un campo fumarolico tuttora attivo, che testimonia come l’isola sia ancora oggi interessata da attività vulcanica, e le pareti tufacee di Timpone Pataso, dove si osservano i depositi stratificati che hanno riempito il lago che esisteva intorno a 100.000 anni fa, finendo per includere anche la sua flora ripariale; tra le specie fossili più comuni la palma nana, ancora oggi piuttosto diffusa nella zona tanto da averne ispirato il toponimo (Palmeto). Questo versante dell’isola si presenta ricoperto da estese praterie a barboncino mediterraneo (Hyparrhenia hirta), di grande rilievo paesaggistico; in primavera questi ambienti sono animati dalla vistosa fioritura di molte orchidee spontanee, mentre lungo il sentiero si apre una piccola vasca artificiale che raccoglie le acque di una sorgente termale. La costa è, per buona parte dell’anno, il regno del gabbiano reale (Larus cachinnans) e sulla falesia si possono osservare gli accumuli di ciottoli levigati di un’antica linea di riva, quando il livello del mare era più alto dell’attuale. per gli abitanti di Lipari e non solo, da sempre sono state

un’attrazione di forte richiamo grazie alla magica atmosfera che si respira, dove il profumo del mare, i colori delle rocce la musica del vento regnano incontrastati.

Si organizzano visite guidate su prenotazione con guide naturaliste, disponibili in italiano, inglese e tedesco, per approfondire con professionalità tutte le tematiche scientifiche legate alle Cave di Caolino. Il trekking alle Cave di Caolino è uno dei più suggestivi dell’Isola di Lipari grazie ad un intenso susseguirsi di potenti spunti naturalistici e culturali. Attraverso un percorso della durata di circa 3 ore, che si snoda tra canyon, falesie ed antiche coltivazioni, si raggiungono le Terme di San Calogero, considerate tra i più antichi stabilimenti termali mai conosciuti.

Percorso trekking cave di caolino
Terme di san Calogero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Follow by Email